Home Sostenibilità Arteriosclerosi di un paese

Arteriosclerosi di un paese

418
2

L’arteriosclerosi è una malattia cronica e progressiva dei vasi sanguigni che si manifesta in età adulta o avanzata ed è dovuta all’ispessimento e alla perdita di elasticità delle arterie determinando una diminuzione del flusso sanguigno che raggiunge le aree del corpo (tessuti) irrorate dall’arteria malata.

La malattia del nostro paese è come stiamo affrontando la prossima elezione del Capo dello Stato. Abbiamo superato tutti gli ostacoli possibili, candidatura di Berlusconi il più inviso al PD, nominati di varia provenienza, procedure elettorali le più singolari, arzilli vecchietti che a 70 anni programmano il loro futuro, Draghi da omaggiare dando così l’esempio più fulgido della meritocrazia (un uomo, un singolo uomo che da 50 anni prende tutto e il meglio di tutto): mi vengono in mente queste singolarità quando penso al mio paese, il paese più democratico che esiste o il paese più manipolabile ?

Difficile per noi italiani metterci d’accordo. Ma sicuramante sorprende l’assenza di una domanda semplice e diretta, il popolo che ne pensa di questa situazione ? Di questo scambio continuo di prebende come fossero le figurine dei calciatori Panini. Per stigmatizzare la nostra vita istituzionale abbiamo coniato vari stilemi, casta, assenza di meritocrazia, gerontocrazia, ecc.

Con questa elezione, credo che stiamo andando oltre, stiamo sperimentando nuovi territori delle nostre malattie. L’ ispessimento delle istituzioni toglie linfa vitale alla nostra società, la relega alla sclerosi, con il rischio di una progressiva cronicizzazione. Che ci sia qualcosa in più rispetto al passato in questo passaggio è testimoniato dal fatto che tutti considerano normale quanto sta accadendo, che in fondo si stanno seguendo le procedure della Costituzione o che forse, data la gravità della malattia, è bene lasciar perdere.

Previous articleOggi ho imparato a volare, racconto per immagini e parole
Next articleIo, tu, lei o lui, noi, voi, loro, i pronomi personali nella letteratura e nel cinema

2 COMMENTS

  1. Trovare una logica razionale all’attuale situazione appare difficile. Le prove generali favorite dal Covid hanno costituito per i politici un utile test sul livello di sopportazione, così come la preoccupante disaffezione elettorale rappresenta un non trascurabile corollario alla questione. Il panorama confuso indurrebbe, quindi, ad accettare il meno peggio ….. ma nessuno osa indicare quale possa essere l’esempio del limite. Resta solo dire: speriamo bene.

  2. Gent.mo Gerardo, abbiamo sin qui richiamato, in modo indubbiamente parziale, il modo in cui le istituzioni e gli apparati dello Stato da un lato, e le forze politiche dall’altro, giungono all’impatto con la crisi politica istituzionale con le elezioni del Presidente della Repubblica porterebbe a sei mesi di blocco. Vediamo ora la più generale dimensione, su molteplici versanti, di questo impatto: Prodotto Interno Lordo, tasso di crescita del PIL reale, finanza pubblica, deficit pubblico, prezzi, inflazione, occupazione, tasso di occupazione.
    Lo scenario macroeconomico prefigura una ripresa dei consumi significativa, ma meno accentuata rispetto a quella del PIL, con un riassorbimento solo graduale del forte aumento osservato della propensione al risparmio, riconducibile anche a motivi precauzionali.
    Noi andiamo incontro ad un aggravamento della crisi economica. Anzi, questo aggravamento è già in atto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here