Home Art Gallery La scomparsa di Giuliano Gori, pioniere dell’Arte Ambientale Condivisa

La scomparsa di Giuliano Gori, pioniere dell’Arte Ambientale Condivisa

552
0
La Fattoria di Celle (Pistoia)

In questi giorni è scomparso, ultranovantenne, Giuliano Gori, figura originale di imprenditore e di collezionista d’arte, promotore di accostamenti suggestivi tra Arte e Natura, nella sua Fattoria di Celle.

La Fattoria, situata nelle colline toscane del Pistoiese, è un luogo unico e affascinante che combina arte contemporanea e natura in modo straordinario. Fondata da Giuliano Gori insieme alla moglie, negli anni Settanta, la Fattoria di Celle è diventata uno dei primi e più importanti esempi di arte ambientale nel mondo.

L’idea visionaria era quella di creare un museo all’aperto che si fondesse con l’ambiente circostante. E’ stata una sfida audace, innovativa e rivoluzionaria nella quale Giuliano Gori ha messo tutta la sua conoscenza e il suo cuore. Ha coinvolto artisti di fama mondiale che hanno interagito con il paesaggio, integrandosi perfettamente nella natura.

Le opere d’arte presenti nella Fattoria di Celle sono varie e sorprendenti. Ogni artista ha creato qualcosa di unico e speciale, utilizzando materiali come pietra, metallo e legno, per creare sculture e installazioni che si fondono con il terreno e la vegetazione circostante, dando vita all’Arte Ambientale Condivisa.

Una delle opere più famose è “Il Labirinto” di Jeffery Bale, un intricato labirinto di pietre che si snoda attraverso un bosco di querce. Quest’opera invita i visitatori a esplorare e perdersi tra i sentieri tortuosi, creando un’esperienza immersiva e interattiva.

Un’altra opera di grande impatto è “Le Cariatidi” di Sol Lewitt, un gruppo di statue in cemento armato che sembrano emergere dal terreno. Queste sculture iconiche catturano l’attenzione dei visitatori e creano un dialogo interessante tra l’arte e la natura.

La Fattoria di Celle non è solo un luogo di contemplazione artistica, ma anche un ambiente in cui la natura è rispettata e valorizzata. Giuliano Gori ha cercato di preservare l’ecosistema locale e ha promosso pratiche sostenibili all’interno della fattoria.

Oltre alle opere d’arte, la Fattoria offre anche varie attività educative e culturali. Ci sono workshop, conferenze e visite guidate che offrono un’opportunità unica per imparare e sperimentare l’arte ambientale.

Giuliano Gori mancherà molto, è stato un uomo di grande visione, un committente e un collezionista raffinato che ha saputo dare risalto ad un luogo straordinario, che unisce arte e natura in armonia perfetta. Visitare Celle e’ un’esperienza che stimola la mente e nutre l’anima.

Se siete appassionati di arte contemporanea e amanti come me della natura che dialoga, la Fattoria di Celle è sicuramente un luogo da visitare e in cui immergersi. Grazie Giuliano per tutta la bellezza che ci hai lasciato in eredità.

Le foto sono per lo più tratte dal sito della Fattoria di Celle.
Previous articleCSR, volantini sindacali e strategie senza numeri
Next articleStupidità d’impresa

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here