Home Imprese&Lavoro Resistenze Quotidiane ed Economia&Finanza Verde

Resistenze Quotidiane ed Economia&Finanza Verde

310
0

Fa piacere pubblicare il convegno della testata giornalistica online diretta da Andrea Manzi e Barbara Ruggiero tenutosi a Benevento qualche giorno fa. Si parla di nuove frontiere del giornalismo, di relazioni con le strutture universitarie, di sinergie con altre testate  e blog online tra cui il nostro magazine, di aspetti nuovi come il geogiornalismo. Insomma è una proficua occasione per capire come muoversi nella stagnante realtà del nostro giornalismo che come ha ricordato Andrea Manzi ha uno stigma ancestrale che viene da lontano. Rileva la matrice ideologica, risorgimentale, quasi dottrinale più che la notizia, l’informazione e gli approfondimenti. Questo humus culturale probabilmente è anche la causa della crisi del settore e dell’’insoddisfazione di tanti lettori rispetto all’informazione nel nostro paese.

Nel corso dell’incontro, dopo i saluti del rettore Giuseppe Acocella, nostro garante dei lettori, sul tema si sono confrontati: Andrea Manzi, ideatore e curatore del magazine e docente di Teoria e tecniche del linguaggio giornalistico presso l’Università degli studi di Salerno, che ha illustrato la genesi e l’elaborazione del progetto RQ; Luigi Contu, scrittore e direttore dell’agenzia Ansa; Alfonso Amendola, docente di Sociologia dei processi culturali presso l’Università di Salerno, che ha relazionato sul tema della creatività giovanile e della cultura on line; Vincenzo Salerno, docente di Letterature comparate presso l’Ateneo salernitano, che ha focalizzato la sua attenzione sui racconti letterari on line; e Silvia Siniscalchi, docente di Geografia presso l’Università di Salerno, che ha relazionato sul concetto di valore nella comunicazione geografica pubblica e multimediale. Il coordinamento dei lavori è stato affidato ad Alfredo Salzano, responsabile dell’ufficio stampa dell’Università Giustino Fortunato.

Buon vento a Resistenze quotidiane, ai suoi Direttori e ai tanti collaboratori. E anche a noi di Economia&FinanzaVerde.

 

Previous articleCSR: la guerra continua e anche la noia
Next articleIl Fintech italiano avanza grazie all’Associazione ItaliaFintech

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here