martedì, novembre 20

Fotofilm

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Tempi di lettura e visione: un minuto.

Sono foto da scorrere come i fotogrammi della pellicola di un film. Il più rapidamente possibile, perché acquistino movimento. Oppure sono da osservare lentamente, una a una, per scoprire l’inganno visivo che vi si nasconde.

Le ho scattate inseguendo questa ambiguità e ne sono soddisfatto. Sono contento dell’idea e della sua riuscita. Mi sono soprattutto divertito, quando, chiamato a partecipare all’ennesima giornata della fotografia, pensavo di annoiarmi, tra modelle e modelli da riprendere nelle solite pose artefatte, stuoli di paparazzi rumorosi attirati dalle belle ragazze, cocktail improbabili, frizzi e lazzi. Invece eccomi qua, a…ad autocelebrarmi. Sì, sono proprio belle e intriganti le mie foto.

Ci vuole, ogni tanto, per la propria autostima. Non mi resta che pensare al titolo.

Arrampicarsi sugli specchi, Vedo e non vedo, Cadute sentimentali. Non vorrei rovinare tutto con qualche banalità. Lascio fare a voi.

Fotogramma 1

Fotogramma 2

Fotogramma 3

Fotogramma 4

Fotogramma 5

Fotogramma 6

Buona luce a tutti!

Ps. A proposito la mia macchina fotografica è quasi impazzita e, per un momentaneo fatto tecnico, ha cominciato a scattare immagini da sola e non intendeva bloccarsi. Pensava forse di essere diventata una macchina da presa. Anche lei era caduta nel gioco eterno della illusione ottica?

Share.

About Author

1 commento

  1. Capita anche di scrivere un pezzo per raccontare come può nascere e svilupparsi l’idea di una foto (https://laquartadimensionescritti.blogspot.com/2018/11/il-breve-racconto-sulla-nascita-di-una.html) ……. poi arriva il “Professore” …….. mago del linguaggio, che con un colpo di bacchetta magica ti riconsegna la tua pepita grezza trasformata in un gioiello d’oro brillante. Della serie …….. l’uso appropriato delle parole può far sognare …….

Leave A Reply