venerdì, Febbraio 23, 2024
Home Educazione Finanziaria L’Open Banking 2.0 di FlowPay

L’Open Banking 2.0 di FlowPay

768
0

Riporto l’intervista che ho rilasciato a Laura Monsini di Pagamenti Digitali dal titolo FlowPay, il TPP che propone l’ottimizzazione di incassi e pagamenti per le imprese

I vantaggi dei pagamenti condizionati, dei bulk payments e degli split payments. La nuova partnership di FlowPay con Crédit Agricole e Agos.

Open Banking 2.0 Flowpay
  1. HOME
  2. DIGITAL BANKING
  3. OPEN BANKING
  4. L’Open Banking 2.0 di FlowPay: il TPP che propone l’ottimizzazione di incassi e pagamenti per le imprese

Lungo la frontiera tecnologica dei pagamenti digitali, FlowPay propone un cambio di paradigma che è prima di tutto culturale, e che poggia sulla disintermediazione del pagamento per offrire un’alternativa sia ai sistemi tradizionali, sia alle app. FlowPay propone servizi integrati di Open Banking 2.0 per incasso, pagamento e analisi finanziaria. Sviluppa sistemi di pagamento innovativi e integrabili con i sistemi dei propri partner via API (Application Programming Interfaces).

La fintech fiorentina, autorizzata da Banca d’Italia come istituto di pagamento, è la prima realtà a proporre la gestione di bulk payment, split payment e locked payment nell’Open Banking. Fondata nel 2019 da Federico Masi, che ricopre la carica di CEO, Lorenzo Rossi e Tiziano Pacciani, è fra le startup innovative da seguire nel 2023.

Tra le novità messe in campo da FlowPay, spiccano il nuovo servizio con pagoPA e la recentissima partnership industriale con Crédit Agricole e Agos.

Indice degli argomenti

FlowPay primo third party provider aderente a pagoPA approvato da Banca d’Italia

Previous articleIl ruggito del topo e quello del leone: la truffa finanziaria di Bernie Madoff
Next articlePer la banca dei dipendenti della Banca d’Italia, vota e fai votare per un effettivo rinnovamento in nome della Competenza e della Solidarietà

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here