Home Imprese&Lavoro Il cashback è un incentivo per la semplificazione digitale dello Stato

Il cashback è un incentivo per la semplificazione digitale dello Stato

818
1
Tempo di lettura: 3’. Leggibilità **.


Nel corso del
2020, i sistemi di incasso e pagamento elettronici hanno vissuto una vera e propria “primavera”. La loro quota in Italia, infatti, è stata di poco inferiore ai 269 miliardi di euro registrata nel 2019, nonostante le chiusure e le limitazioni che hanno riguardato in particolare l’ambito del turismo.

La pandemia ha certamente contribuito a facilitare l’adozione di nuove abitudini di spesa e consumo cui si sono aggiunte anche le iniziative cashless dell’attuale governo dimissionario. L’aumento dell’utilizzo dei pagamenti elettronici da parte degli italiani non è, infatti, un aspetto di poco conto, soprattutto perché tradizionalmente poco inclini a farne uso: nell’82% dei casi, infatti, stando ai più recenti dati della Banca Centrale Europea, preferiscono usare il contante.

Sul finire dell’anno, poi, è arrivato anche il cashback: una delle misure varate dal Governo a trazione PD-5S per agevolare la transizione verso un’economia più digitale, innovativa, smart, semplice e, ovviamente, priva dei contanti e del loro costo.

Ma quali sono i numeri della fase sperimentale del cashback terminata il 31 dicembre 2020?

Stando ai dati ufficiali, gli aderenti all’iniziativa sono stati 5,8 milioni di cittadini che hanno caricato sulle piattaforme messe a disposizione 9,8 milioni di strumenti di pagamento elettronici, di cui oltre 7,6 milioni sull’app IO. Sono poi state effettuate oltre 63 milioni di transazioni. Solo il 3,1% dei beneficiari, tuttavia, ha raggiunto il massimo del cashback di 150 euro

Partendo da queste cifre, scopriamo che sono oltre 222 milioni i rimborsi in arrivo per 3,2 milioni di aventi diritto. Ciò significa che il rimborso medio è di circa 69 euro a testa. Quasi la metà degli aventi diritto (il 49,6%, pari a 1.602.297 persone) otterrà un rimborso tra i 50 e i 99 euro; il 32,8% (1.059.399 valore assoluto) avrà meno di 50 euro; il 14,5% (468.822) otterrà tra 100 e 149 euro.

Analizzando più in profondità i dati a nostra disposizione si scopre che l’importo medio dei pagamenti con moneta elettronica è di 46 euro, ma molti hanno preferito carte e bancomat anche per gli acquisti di piccolo importo: quasi la metà delle transazioni (il 48,5%), infatti, è stata per importi inferiori ai 25 euro. 

In questo dato è racchiusa buona parte del senso stesso della misura, in quanto è stata in grado di spingere i consumatori ad utilizzare la moneta elettronica anche per acquistare quella famosa colazione al bar di cui spesso si parla.

Sia da parte del Governo sia da parte di PagoPA (l’ente che gestisce la app IO e, di fatto, l’intera operazione) questi numeri sono considerati un successo, soprattutto alla luce dei problemi di avvio del cashback a inizio dicembre 2020 e delle chiusure che tutt’oggi condizionano il commercio al dettaglio in tutta Italia.

Dal primo gennaio 2021, ha preso avvio la fase “ordinaria” del cashback che terminerà (se ne avrà modo e tempo) nel giugno del 2021. Le regole sono le stesse della versione sperimentale di dicembre con la differenza che per ottenere il bonus saranno necessarie 50 transazioni a semestre.

Il vero contributo del cash back

Finora, a torto o a ragione, il cashback è stato percepito “solo” come incentivo alla spesa tramite moneta elettronica e come una misura di lotta all’evasione fiscale e come tale è stato giudicato, trascurando quello che, invece, potrebbe (e dovrebbe) essere il suo più importante contributo nei confronti della semplificazione e della digitalizzazione dell’economia, delle persone e della pubblica amministrazione.

Il cashback, infatti, deve permettere l’accelerazione del processo di inclusione digitale che parte dall’ottenimento dello SPID e passa dall’inserimento dei dati sulle piattaforme abilitate all’erogazione del bonus, arrivando fino al rapporto tra PA e cittadini e viceversa.

Si tratta di un meccanismo ben più lungo e complesso della “semplice” scelta dello strumento di pagamento più adatto alle nostre esigenze, ma da cui può dipendere la sostenibilità e la competitività del Sistema Italia del prossimo decennio, cui è legato anche un concetto nuovo ed estensivo di cittadinanza attiva, oltre a diversi miliardi di euro che spesi in cashback potrebbero rientrare in risparmio per le casse dello Stato.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here