Home BANCAVERDE® Split payments e payment chains: gestire flussi di pagamenti complessi

Split payments e payment chains: gestire flussi di pagamenti complessi

689
0
Tempo di lettura: 3’.

La gestione degli incassi e dei pagamenti in azienda è spesso legata a delle regole che il reparto amministrativo decide a monte e che deve eseguire manualmente.

Pensiamo ad esempio ad un marketplace o a una piattaforma che ospita numerose aziende e fornisce loro un nuovo canale di vendita online; è possibile che l’incasso venga acquisito direttamente dalla piattaforma che, in un secondo momento, dovrà trattenere una commissione per il servizio reso e riversare l’importo restante al venditore associato.

Catene di pagamento: che cosa sono e a che cosa servono?

Sono moltissimi i casi in cui i pagamenti risultano concatenati tra loro e la gestione di questi meccanismi è estremamente onerosa. Spesso ci si trova infatti a rinunciare alla pianificazione per mancanza di tempo o risorse.

Il reparto amministrativo aziendale, ad esempio, può voler attendere l’incasso di alcune fatture prima di provvedere al pagamento di alcuni debiti o fornitori, così da bilanciare al meglio le entrate e le uscite.

Allo stesso tempo, il governo delle commissioni di una rete di vendita può provocare un ulteriore aggravio sul monte ore di lavoro, data la quantità di singoli pagamenti da eseguire nei confronti di ognuno degli attori in causa.

Per risolvere tale spreco, abbiamo sviluppato una soluzione che ha lo scopo di automatizzare l’intero flusso a monte: la payment chain (catena di pagamento), un sistema che concatena l’esecuzione di un pagamento a condizione che sia avvenuto un determinato incasso in precedenza.

 

Come funzionano le catene di pagamento?

Concatenare pagamenti e incassi è una scelta rivoluzionaria per la solidità del business ed è allo stesso tempo estremamente semplice per tutti gli attori coinvolti.

Il nostro partner che desidera godere dei benefici di questo meccanismo, potrà integrare la soluzione all’interno dei propri sistemi in modo semplice e veloce con il supporto dei propri developer e, soprattutto, grazie alla consulenza mirata che gli verrà fornita dai tecnici di FlowPay.

I flussi vengono decisi a monte e partono dal presupposto che il primo nodo, ovvero colui che attiva la catena dei pagamenti, essendo il primo debitore, abbia un debito nei confronti dell’azienda superiore all’importo che l’azienda stessa deve ai propri creditori.

In poche parole, se la nostra azienda partner riceve 1000€ da un cliente, potrà pagare alcune delle fatture passive cui importo totale non potrà superare quella stessa cifra, altrimenti incorremmo in uno scoperto. Se desidera poi trattenere una commissione dall’incasso ricevuto, deve tenere conto anche della stessa, sottraendola dal potere di spesa in uscita.

Tutto origina quindi dal caricamento delle fatture o dei documenti da incassare e da pagare e dalla definizione delle regole di smistamento delle somme; un’inizializzazione di pagamento del proprio debitore attiva la serie di transazioni orchestrate interamente da FlowPay.

Split payment: come FlowPay spartisce le somme tra i vari attori

La catena di pagamento è per definizione un modo per efficientare i flussi in entrata e in uscita, automatizzandoli e soprattutto legandoli tra loro. Per permettere al partner di dividere le somme ricevute verso altri beneficiari e anche per trattenere eventuali commissioni, abbiamo sviluppato il servizio split payment.

Come suggerisce il nome, si tratta della soluzione che scinde (split) l’importo ricevuto per smistarlo tra i beneficiari che seguono nella catena costruita.

Gli split payment, però, possono essere utilizzati anche a prescindere dalla concatenazione con un incasso.

Supponiamo infatti che l’azienda partner desideri pagare una lista di fatture o di documenti con un’unica transazione, senza dover quindi eseguire tanti bonifici quanti sono i beneficiari. Dovrà avvalersi di un pagamento massivo (bulk payment) che avrà origine dalla selezione di una lista di debiti, che verranno poi riversati account to account da FlowPay nei conti dei beneficiari con l’ausilio del servizio di split payment.

La payment chain è legata indissolubilmente allo split payment e può essere originata da Payment Initiation (PIS) semplici o da pagamenti massivi (bulk payments), andando a costruire un ciclo completo, efficiente e funzionale.

Scopriamo insieme come integrare le catene di pagamento all’interno dei tuoi flussi! Lasciaci un tuo contatto per iniziare a valutare assieme tutte le combinazioni del tuo caso d’uso!

 

Previous articleL’educazione finanziaria finisce in carcere
Next articleNon ci sarà la catastrofe maltusiana ovvero Julian Simon e la risorsa delle risorse

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here