Home Imprese&Lavoro Fortuna che i seguaci di Massimo Catalano ci aiutano con sagaci intuizioni

Fortuna che i seguaci di Massimo Catalano ci aiutano con sagaci intuizioni

214
0

Un breve articolo apparso oggi nei media recita: “L’EUROPA senza guida. Ma per fortuna ogni tanto Mario Draghi esce dall’eremo a cui l’hanno condannato i maledetti populisti, si affaccia fuori e ci indica la via. Ieri per esempio Repubblica ha avuto notizia del Verbo e si è subito sparata un titolone: ‘Draghi: L’Ue ha bisogno di enormi investimenti, è urgente capire come finanziarli’.

Parole illuminanti, concetti forse ostici e non alla portata di tutti, vista la loro complessità, ma che certamente rivelano la stoffa dell’uomo. A nessuno era mai venuto in mente che in Europa ci fosse bisogno di investimenti. Ma nemmeno i pochissimi pionieri che si erano spinti a ipotizzare uno scenario simile avevano poi azzardato quella seconda fondamentale, riflessione: bisogna anche capire come finanziarli, gli investimenti, non è che basta chiedere soldi. Sono tesi forti, ci rendiamo conto, pugni nello stomaco del lettore. Ma gli oracoli sono così.”

Lo stesso quotidiano, il 3 maggio 2013, intitolava un articolo così: “Quelli della notte. Massimo Catalano è morto, le sue massime restano.”

Poi proseguiva:
“Serafico, sorridente, imperturbabile; un uomo di mondo dall’aria vagamente fané, o forse, a pensarci meglio, già implicitamente autoironico nell’immagine televisiva. Barba, riporto e foulard. Questo è Massimo Catalano, morto ieri nella sua casa di Amelia, in Umbria, all’età di 77 anni. Sarebbe meglio buscarsi l’influenza e guarire con un’aspirina che dover lottare invano per un anno contro un male incurabile, come avrebbe chiosato lui. Invece è andata al contrario, anche se il re dell’ovvio, dispensatore di immortali massime sui divani di Quelli della notte “è destinato a rimanere nel nostro lessico, e dire catalanata ormai è diventato un modo di dire per tutti”, come ha dichiarato il suo mentore Renzo Arbore.” Inoltre: “Catalano, seguace di Lapalisse, si limitava a interloquire nei grandi dilemmi della vita posti dal filosofo Riccardo Pazzaglia, piazzando l’affondo definitivo: ‘È meglio lavorare poco e fare tante vacanze, piuttosto che lavorare molto e fare poche vacanze’. Dopo quell’exploit geniale, che genialmente Arbore non volle mai ripetere, cominciarono i mille e uno tentativi di imitazione di Quelli della notte, e i confronti imbarazzanti non si sono mai interrotti, anche ora che la politica si è impadronita del talk show, ora che le due entità sono inseparabili in natura”. L’articolo chiudeva con la triste considerazione socio-politica: “Ora che ogni sera, a sentire le pensose dichiarazioni di onorevoli e analisti, viene da rivalutare la saggezza di Massimo Catalano. Meglio dire ovvietà in serie prendendosi in giro, che spararle sempre più grosse prendendosi sul serio.”

Quindi meglio investire che disinvestire, meglio creare ricchezza che distruggerla, meglio stare bene in tanti e male in pochi. Meglio ancora se nessuno.

La scuola di Catalano continua a accumulare proseliti, oltre che in politica, anche in economia. Grazie Mario!

Previous articlePalazzina LAF
Next articleLe fiabe antiche sono un istruttivo cahier per i manager d’oggi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here