Home Educazione Finanziaria Quanti festival dell’economia abbiamo ?

Quanti festival dell’economia abbiamo ?

483
0

Mi sembrava che stessi ancora dormendo quando stamane mi sono arrivati gli spoiler di due festival. La ripartenza post pandemia ci regala due eventi, quasi simili.Essi hanno luogo  contemporaneamente a Torino e a Trento, il primo è più recente mentre il secondo è quello vintage. Entrambi parlano di economia, di merito, giustizia sociale, del nuovo ordine o disordine mondiale. La diversità arricchisce si potrebbe immaginare, ma così si rischia di rovinare la sorpresa a chi vuole approfondire le ragioni più profonde della scienze umanistiche, ad iniziare dall’economia. Con in più un altro spiacevole effetto collaterale, l’assenza di un festival dell’economia al Sud. Eppure un tempo per bilanciare il Festival di Sanremo vi era anche il Festival della canzone napoletana, che pure una certa fama l’ha avuta.

Il meridionalismo economico, che qualche giorno fa è stato celebrato nella splendida cornice di Villa Zagara di Sorrento rischia di rimanere alla porta, fuori da Torino e Trento. Sapremo pure fra qualche giorno, come capita nei festival cinematografici o canori, chi ha vinto in termini di seguito e partecipazione. Insomma, una vera e propria kermesse con una quantità enorme di economisti festanti e giulivi che ci intratterranno sulla qualunque, con una inclinazione più di destra da una parte e più di sinistra, dall’altra ?

Come scegliere tra i due festival non è dato saperlo e con questo dilemma mi accingo a chiudere questo breve commento e a pensare che starsene a casa non è poi così male. Poi si sono lette tante cattiverie sui dissidi tra gli organizzatori, le querelle di natura politica, i litigi tra sponsor e cose simili che per darne conto servirebbe organizzare un altro festival. D’altronde, hai visto mai, non c’è due senza tre. O meglio ancora immaginare un festival itinerante, un pò come il giro d’Italia o il Cantagiro anni ‘60 che coniuga localismo ed economia. Sarebbe benvenuto perchè si parlerebbe del mitico PNRR e dei tanti progetti nelle varie aree del paese per capirne qualcosa e per capire che l’economia ci serve come il pane per risolvere i nostri problemi concreti.

Festival Internazionale dell’Economia

festivaleconomia.it

Previous articlePillole di educazione digitale: parole alla moda spiegate in poche parole
Next articleL’insonnia di Andrea

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here