martedì, novembre 20

Risparmi, regole e ragione

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Tempo di lettura: un minuto.

Ho letto con attenzione gli interessanti temi premiati dal Concorso di Educazione Finanziaria bandito da Economia&Finanza Verde. Mi hanno fatto tornare alla mente una mia esperienza negativa d’una decina d’anni fa, che ho cercato di sublimare in questo breve racconto, pensando che, a fini educativi, un aneddoto, magari con qualche paradosso, sia sempre più utile che l’arido trasferimento di nozioni. L’ho intitolato Risparmi, Regole e Ragione. Tre Erre, facili da ricordare.

———

“Mi confortava la frase incorniciata e collocata in bella evidenza sulla parete dietro la sua scrivania.

Mi faceva superare l’istintiva diffidenza che provo quando qualcuno  per venderti qualcosa – sia tappeto o, come in quel caso,  prodotti finanziari – trasforma tutti i tuoi molteplici dubbi  in poche e granitiche certezze, guarda caso sempre foriere di risvolti positivi.

Per questo, dopo qualche tentativo di confutare senza successo le argomentazioni di quel promotore finanziario, avevo finito per dargli ragione e accettare i suoi consigli. Così gli avevo affidato i miei risparmi che, a suo dire,  sarebbero stati impiegati in investimenti immancabilmente sicuri e redditizi.

Quella frase, infatti, mi tranquillizzava. Chi mostrava con orgoglio quella massima nel proprio ufficio non poteva non avere un forte senso etico e un intransigente rispetto per i canoni di correttezza. Insieme alle competenze professionali che trasparivano dalle sue parole,  mi induceva a pensare a una sorta di infallibilità dei suoi ragionamenti.

Quando, qualche tempo dopo, ho saputo che il promotore era stato licenziato e sottoposto ad indagini penali e amministrative per gravi irregolarità e per aver frodato i propri  clienti, mi è tornata in mente proprio quella frase che tanto mi aveva rassicurato.

Recitava:

Potete infrangere le regole senza dargli importanza. Alla fine saranno le regole a infrangere voi, proprio perché non le avete rispettate.

Tutto sommato non mi ero sbagliato: anche questa volta il mio interlocutore aveva avuto indubbiamente ragione! Di sbagliato c’erano le mie scelte finanziarie.

Ma di queste non voglio parlare, per non gettare ancora sale sulle ferite”.

Share.

About Author

Leave A Reply